IP Faber :: www.ipfaber.com

29 January, 2009

Justin.tv e i suoi fratelli: il copyright sul “live broadcasting” collettivo

Filed under: copyright, internet, tv rights — Tags: , , , — Eva Callegari @ 12:32 pm

grattacieli-tv

Gli ingredienti sono apparentemente semplici.

Immaginiamo ciò che è ora You Tube, aggiungiamo la possibilità di mettere in rete in streaming dei video anche 24 ore su 24 e guarniamo il tutto con web cam che registrano in diretta quello che i vari users vogliono condividere attraverso internet.

Il risultato può assumere le più diverse sfaccettature. Per ora si chiama Justin.tv o Ustream.tv, dove per lo più si possono “sfogliare” video e riprese ancora piuttosto estemporanee e amatoriali (ad esempio si possono osservare in diretta le immagini di quello che accade in un lago al centro del parco Nkhoro Pan in Sud Africa o di una cucciolata di cani, minuto per minuto).

Una probabile evoluzione  di questi siti potrà essere quello che già è – in nuce – Mogulus: quest’ultimo permette di creare attraverso il web interi canali (anche servendosi di strumenti editoriali di buon livello messi a disposizione da Mogolus stesso), i quali vengono trasmessi senza soluzione di continuità in rete. Creare un canale televisivo diventa quindi, almeno in linea di principio, un’operazione accessibile a tutti.

In prospettiva, le implicazioni legali che potranno derivare da questi sviluppi della rete sono già ora piuttosto prevedibili e non sono poi molto diverse da quelle che emergono dagli usi sempre più diffusi e capillari di contenuti protetti da copyright attraverso Internet.

Chi metterà in rete propri contenuti si dovrà innanzitutto preoccupare di avere i diritti su tutto ciò che compone il proprio canale (musica, immagini, persone ritratte, etc.).

Quindi dovrà decidere quale regime di circolazione dare ai propri contenuti e ai diritti di copyright ad essi legati: mantenere le proprie esclusive di legge sugli stessi o lasciare che essi circolino senza limiti o entro certi limiti. In queste ultime due ipotesi, è estremamente probabile che le licenze creative commons e affini potranno tornare di aiuto.

Infine l’autore/editore dei contenuti dovrà anche evitare che il risultato del proprio lavoro venga “cannibalizzato” da terzi, non autorizzati ad utilizzare o riprodurre i contenuti caricati in rete.

In tutti e tre questi passaggi, la legge e la regolamentazione contrattuale da sole non basteranno ad evitare criticità. Anzi, proprio al fine di evitare che il contesto normativo diventi a sua volta una criticità e complichi questa inevitabile evoluzione della rete, due potranno essere i necessari strumenti di supporto: la creatività e la tecnologia.

La creatività, perchè più i contenuti, a monte, saranno freschi, originali e realizzati – per intenderci – “a Chilometro Zero”, minore sarà il rischio che eventuali terzi, titolari di diritti su una parte anche minima di quello che verrà editato e pubblicato, possano creare difficoltà future.

La tecnologia, per segnalare e garantire che il regime di circolazione dei contenuti immessi in rete sia effettivamente quello determinato dal titolare dei diritti sugli stessi e per dare così trasparenza massima a quanto in rete sia o meno liberamente utilizzabile.

(IP Faber: consulenza legale, IT e strategica per gestire al meglio la proprietà intellettuale aziendale. Per maggiori informazioni, clicca qui)

Creative Commons License Photo credit: Stuck in Customs

Advertisements

4 December, 2008

Il canguro non salta: l’antitrust blocca la joint venture tra BBC, ITV e Channel 4

Filed under: copyright, intellectual property, internet, news — Tags: , , , , , — Eva Callegari @ 1:42 pm

kangaroo

Ieri l’autorità antitrust britannico ha decretato in via provvisoria un primo stop al progetto di joint venture fra BBC Worldwide, ITV e Channel 4. Il Canguro (Kangaroo è il nome del progetto) non può saltare, per ora.

La piattaforma di video on demand che è oggetto del progetto metterebbe a disposizione degli utenti, via internet, 10.000 ore di contenuti televisivi, attingendo anche dai ricchi archivi delle società in gioco.

L’antitrust ha ritenuto che il progetto, così come è stato impostato, potrebbe alterare gli equilibri del mercato del VoD e ha dato alcune opzioni alternative, al fine di poter approvare in futuro il progetto:

– dovrebbe variare l’attuale struttura del marcato rilevante;

– dovrebbe essere garantita la disponibilità dei contenuti ad eventuali società terze interessate;

– dovrebbe essere materialmente modificato il progetto Kangaroo.

Da un lato il rischio che Kangaroo possa limitare la concorrenza nel mercato del Video On Demand effettivamente esiste ed è concreto.

Dall’altro lato non si può non guardare al successo che sta avendo Hulu, il portale che mette a disposizione in streaming film e serie tv, oltreoceano.

(IP Faber: copyright and media law is our expertise. Contact us)

Creative Commons License Photo credit: Tasumi1968

Blog at WordPress.com.