IP Faber :: www.ipfaber.com

3 December, 2008

Handy Dandy Design: il marchio comunitario n. 500.000 è italiano

Filed under: intellectual property, marchi, news, trademark — Tags: , , , , — Eva Callegari @ 2:18 pm

girandola

Notizie fresche da Alicante: il contatore che segna i marchi registrati a livello comunitario, girando girando, è arrivato al numero 500.000.

E’ un’azienda italiana ad avere depositato il cinquecentomillesimo marchio comunitario all’UAMI (Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno): Handy Dandy Design.

Si tratta di una azienda milanese, che sviluppa prodotti volti a coniugare il buon design alla tecnologia, anche di uso più comune.

Il presidente dell’UAMI, Wubbo de Boer, nell’annunciare la notizia, si è rallegrato nell’osservare che fosse una PMI ad aver segnato questo traguardo: ciò sarebbe simbolicamente la riprova dello spirito che anima il lavoro dell’UAMI, sempre più volto a rendere accessibile a tutti gli imprenditori le registrazioni a livello comunitario, in modo da incentivare lo sviluppo delle PMI verso più ampie prospettive di mercato.

Per questo, nei prossimi mesi l’UAMI non solo si prefigge di fare diminuire sempre più i tempi medi di registrazione dei marchi comunitari, ma anche i relativi costi di registrazione.

(IP Faber: TM protection and brand strategy for enforcing your innovative business. Contact us)

Creative Commons License Photo credit: ezu

Advertisements

6 October, 2008

Product placement e marchi nel cinema e in tv: assaggeremo il Cacao Meravigliao?

Filed under: intellectual property, law, marchi, marketing, news, normativa, trademark — Tags: , , , , — Eva Callegari @ 9:02 am

Creative Commons License Photo credit: Acidcookie

La legge comunitaria 2008 include nell’elenco di direttive che dovranno essere recepite in Italia nei prossimi mesi la direttiva 2007/65, che ha modificato la “direttiva TV senza frontiere” e che, nell’armonizzare la normativa dei vari paesi membri, si ripropone di “migliorare conseguentemente la competitività del settore europeo dei media”.
Questa direttiva si occupa anche di product placement.
Si sa che il mercato delle major statunitensi si nutre da decenni di product placement, integrando marchi e richiami a prodotti e servizi nell’intreccio dei propri film e stipulando apposti accordi con le imprese per dare questa particolare (e molto efficace) visibilità ai loro prodotti.
Nel nostro paese, questo genere di marketing è stato visto per anni con occhio sospetto e bandito – nelle sue forme più evidenti – come forma di pubblicità camuffata, vietata. Si utilizzava il cambio merci per abbassare i costi di produzione di un film, ma non si potevano negoziare accordi per dare risalto ad un marchio all’interno della narrazione di un film.
Ad un certo punto ci si accorse del disfavore che subivano le nostre produzioni cinematografiche rispetto a quelle di matrice americana. Per intenderci, se ET poteva bellamente mangiare le caramelle Reese’s Pieces (simili alle più note M&Ms) davanti agli occhi di infiniti giovani spettatori (e consumatori), il Topo Gigio nostrano doveva accontentarsi di un’anonima (ma gustosa) fetta di gruviera.
Nel 2004 si regolamentò per la prima volta in Italia il product placement, prevedendo cheper i film che contengono inquadrature di marchi e prodotti, comunque coerenti con il contesto narrativo, è previsto un idoneo avviso che rende nota la partecipazione delle ditte produttrici di detti marchi e prodotti ai costi di produzione del film.” (art. 9 del d.lgs. n. 28 del 22 gennaio 2004).
Il quadro normativo attuale, in attesa del recepimento della direttiva del 2007 sulla materia, dà quindi libero campo al product placement nel mondo delle produzioni cinematografiche nazionali, non nell’ambito delle produzioni televisive e dei serial tv.
Il legislatore dovrà ora fissare “un elenco positivo”, indicando quali tipi di programmi potranno beneficiare di un sistema di sponsorizzazione quale quello rappresentato dal product placement.
Nell’effettuare questa scelta si dovrà da un lato scongiurare il rischio di un’eccessiva “brandizzazione” dei prodotti cinematografici e televisivi, che sono anche prodotti culturali, e dall’altro lato considerare i dati economici circa il product placement già sperimentato.
Le analisi di marketing dimostrano che il product placement è di impatto particolarmente forte sul consumatore, che “metabolizza” facilmente e ricorda il marchio visto nell’intreccio di un film.
Inoltre, il product placement si avvantaggia del fatto di legare il marchio ad un’esperienza, quale è quella portata dalla visione di un film. Chi ha visto il film Cast Away non potrà dimenticare il pallone Wilson diventare protagonista con il naufrago Tom Hanks.
Se la tendenza è sempre più verso il brandertainment, i dati di mercato confermano come gli investimenti in product placement siano in costante incremento: del 13 % nel 2007 secondo l’agenzia Nielsen, del 27% l’anno secondo i dati resi noti nel corso dell’edizione 2008 del “Product Placement & Location Festival” di Ischia.
La data entro cui dovrà essere recepita la direttiva 2007/65 dal nostro legislatore è il 19 dicembre 2009.
Quale sarà lo scenario che si aprirà al product placement nel nostro paese per allora?
Sfogliando e curiosando nel data base dei marchi italiani si scopre che esistono 17 marchi “Cacao Meravigliao” depositati in Italia, uno di questi è stato depositato dalla Barilla nel lontano 1987 (non è certo – a dire il vero – se sia stato rinnovato fino ad oggi).
Se il product placement amplierà sempre più il proprio raggio d’azione, potremo forse davvero trovare sugli scaffali del supermercato “il Cacao Meravigliao” e torneremo tutti nell’arena di “Indietro Tutta” a cantare con Renzo Arbore e Nino Frassica?

(IP Faber ti può aiutare nel product placement e nel rafforzamento del tuo brand)

19 April, 2008

Adidas 3 stripes according the Court of Justice – Le 3 striscie di Adidas secondo la Corte di Giustizia

Filed under: marchi, marketing, news — Tags: , , , — Eva Callegari @ 12:49 pm

Is it necessary that stripes signs remain available to all? Can Adidas prohibit the use by third party of two stripes on sport products?

The questions above have been recently examined by the Court of Justice in Case C-102/07 of 10th of April 2008. The first chamber of the Court assessed that the requirement of the availability of certain signs is irrelevant with regard to the likelihood of confusion. The important factor for analyzing such criteria is the public perception of the goods identified by the TM of the owner compared to the third party’s goods. On the other hand – the Court of Justice observes – the “availability requirement” regards only descriptive indications, not decorative characteristic of the goods.

Therefore, on the basis of this ruling by the Court of Justice, we can imagine that strips or squares or circles may be “owned” by a single proprietor if the latter is so able to enforce these signs on its relevant market that public immediately associate them to the mark/source of the proprietor.

(IP Faber: 360° consultancy on TM. Contact us)

Le strisce sono di tutti? Può Adidas vietare a terzi di usare due bande su articoli di abbigliamento sportivo?

Questi quesiti sono stati oggetto di una decisione della Corte di Giustizia recente (Case C-102/07 del 10 aprile 2008). La prima sezione della Corte ha stabilito che il requisito della disponibilità di certi segni non rileva con riguardo al rischio di confondibilità. Il fattore rilevante per svolgere questo tipo di valutazione è la percezione che ha il pubblico dei prodotti identificati da un dato marchio rispetto ai prodotti di un soggetto terzo. D’altro canto, osserva la Corte, il “requisito della disponibilità” attiene solo alle indicazioni descrittive, non a quei caratteri puramente decorativi di un prodotto.

Perciò, sulla scia di quanto deciso dalla Corte di Giustizia con questa sentenza, una striscia, un quadrato, un cerchio potrebbero diventare di un solo soggetto se questo fosse tanto bravo nel rafforzare un dato segno in un certo settore di mercato così che il pubblico immediatamente ricolleghi questo segno ai prodotti provenienti dalla propria impresa.

(IP Faber: consulenza a 360° sui marchi. Contattaci.)

Photo by autumn bliss from Flickr. CC license.

16 January, 2007

Dog Perignon non lede il marchio Don Perignon perchè è parodia?

Filed under: marchi, marketing, news — Tags: , , — Eva Callegari @ 7:11 pm

Nella causa statunitense che ha visto opposti Louis Vuitton  e una società che produce articoli per cani .. di lusso – la Haute Diggity Dog – la corte distrettuale della Virginia ha stabilito che non costituisce diluizione del marchio che combina le lettere LV di Louis Vuitton il marchio CV, usato dalla convenuta per indicare la linea di accessori per cani denominata Chewy Vuitton.

 Secondo questa corte statunitense – che riprende la recente tendenza degli Stati Uniti a restringere le ipotesi di diluizione dei marchi (come prevede il Trademark Diluition Revision Act da poco introdotto) – poichè il marchio CV appare  un’evidente parodia del noto marchio LV è ammisissibile che ne prosegua l’uso sul mercato. 

I cani più fortunati statunitensi potranno quindi continuare ad usare tutti i prodotti della Haute Diggity Dog così come contraddistinti fino ad ora.  Anche quelli marchiati Chewnel n. 5 e Dog Perignon, altri marchi usati dalla convenuta.

Impareranno a riconoscere così anche le note bottiglie di champagne francese? Chissà..

Create a free website or blog at WordPress.com.