IP Faber :: www.ipfaber.com

28 November, 2008

Apple iTunes to launch DRM free music from Universal, Sony and Warner

Filed under: copyright, intellectual property, music, news, Uncategorized — Tags: , , , , — Enrico @ 8:26 am

drm-orwell-street-500x350We talked about the relationship between drm and music-lovers many many times, both on our blog and during conferences and events: DRM, as such, is a loosing war.

So Apple is about to sell DRM-free music from Universal, Sony and Warner on its iTunes online store, something that both Wall-Mart and Amazon have been able to do for months.

At last, what we said already since 2004 and also on the IP Faber blog is becoming real: the majors are beginning to recognize that a DRM-free market is far bigger and lucrative than a store controlled with a (loosing) DRM system.

This is the confirmation that music Majors are beginning to understand their customers and give them what they want (a clear concept that was understood a long time ago by delivery-platforms providers and tech giants, and by some wise guy).

So it’s now time to move on and see how consumers react.

But we still have to make some points and try to open a debate:

– is this strategy a (late) reaction to the deep economic crisis of the traditional music industry?

– is the change a clear recognition of the fact that controlling and fighting for a  DRM protected world is useless and painful?

– is this move a strong signal of a new trend toward licensing, and try to squeeze every single cent of value from a product?

We know for sure that this DRM-free move on iTunes is a big improvement for customers (as it has been for Amazon amd Wall-Mart) and that this will be a big revenues bumper both for Apple and for its partners.

(IP Faber focuses on new music platforms and technology innovationContact us)

Creative Commons License Photo: “1984…meet DRM” by jbonnain

Advertisements

27 November, 2008

Is Youtube going to make money with its new 16:9 videoplayer?

Filed under: internet, news — Tags: , , — Enrico @ 8:41 am

streamIn a move that is said to be for a “more powerful viewing experience” by the company official blog, youtube.com converts its player to 16:9 ratio (event though normal old fashioned “4:3 aspect ratio videos will play just fine” on the new player, the company said).

We don’t think this is the main reason.

Youtube needs to make money, to charge either its users or its partners (see youtube channels) or its advertisers, or all of them. The balance sheet is still on the red side: the aquisition made by Google was paid a lot, operating costs for the internet video broadcaster are huge, and the users watching billions of videos every month don’t cover the bill. 

So everybody is expecting Youtube to move over it and find its profitable business model.

16:9 is the aspect ratio requested for showing films, TV series, shows and so on. This is about getting money from ads, from media partners and content providers willing to pay, from users soon to be customers.

You Tube is confirming the Hulu way is just right:

  • there is a “traditional” video market also on the internet,
  • this market is not only for tv and film broadcasters, and 
  • it promises to be a very big and rich market.

But there are also hurdles: 19:9 means 960 pixel videos, more bandwidth needed to serve its users (soon to be customers) and more raw space and TB on the servers, more load balancing issues (even though youtube has been proved to be a flawless and solid  broadcaster from this point of view).

It’s a first step, but what a step forward!

(IP Faber is innovative thinking and consulting for intellectual property. Contact us)

Creative Commons License Photo: “Stream” by Ajschu

 

26 November, 2008

Current TV is really… current

Filed under: events, internet, news — Tags: , , , — Enrico @ 11:40 am

current-tv-vc2-premiereOld TV set is crossing new internet media and social network: please meet Current TV, the tv for the rest of us.

At CineShaw in Turin last week, we had the opportunity to meet Davide Scalenghe, prodution manager for VC2 Current TV Italy, the italian branch of the now famous new tv and internet network Current TV (the TV network supported by Al Gore). 

Davide gave a presentation of the new concepts (and business model) of its company, talking about new exciting things and some problems difficult problems (financing new ideas, product quality, democracy).

Current TV is basically a user generated content tv, well, not entirely. According to Davide, 1/3 of the contents on air are made by users, the rest is either picked up on the net or produced by the TV itself. Part of the success of the new-concept TV is its social network oriented vision: users can vote and comment on the company website single short films (called “pods”) and those more voted are then put on air also on the TV channel (even though every pod remains always available on the website as well): so that users are currently able to decide what to watch…

To me there were a couple of very interesting points: the importance of making good films/pods (and efforts made by CurretTV crew to educate and train freelance film makers to shot good-made-films) and the business model, which is strictly tied to the problem of aquiring proprietary rights on films.

At Current, pods choosen to be on TV channel are paid for (from 500 to 1k dollars/euros each) but someshort films are also sponsored by the TV channel, which assign to its network of videomakers a job for a certain price. This way the right to broadcast the pods are given to Current TV.

Some money comes in from Companies willing to pay users/videomakers for making new and original tv spots that are then put on the web or on the Current TV channel.

Discussion ignited when somebody asked what differentiated CurrentTV from other user generated content networks like youtube or blip….

Davide fired back and explained why they are different: the internet website enables and empowers the channel programming, and the unique relationship between  the web and the normal tv set associated with the ugc  (user generated content) pods and the independent view (and money) are key factors.

25 November, 2008

Europeana è online, e non scherza…

Filed under: news — Tags: — Enrico @ 9:06 am

europeana-logoEuropeana Logo 

La prima “biblioteca” europea è online e si chiama Europeana

Da oggi anche gli europei hanno su internet la loro biblioteca online. In tutte le lingue, in collaborazione con molte biblioteche e università europee.

Europeana nasce per volontà della Commissione UE, che in qualche modo ha inteso seguire il (buon) esempio di Google con il suo free text and book search. Nel giro di poco tempo (si parla di alcuni mesi, massimo due anni) ci saranno online, liberamente cercabili sul web, oltre 5 milioni di testi, non solo libri, ma anche manoscritti, testi di opere musicali e altro.

Lo sforzo congiunto delle istituzioni europee sottolineato dal trade off “Europeana, think culture” è sicuramente meritevole e molto interessante. Strano, diciamo noi, che il pubblico segua il privato proprio sul settore nel quale il pubblico stesso dovrebbe essere più avanti, cioè la diffusione di cultura e formazione free of charge, ma senza dubbio quello di Europeana rimane ad oggi il tentativo più ambizioso da parte della UE di adeguarsi alle tecniche di fruizione della cultura nel terzo millennio. 

Come inizio non c’è male, ma riuscirà Europeana a imporsi sul mercato di riferimento e a portare a termine la propria mission?

24 November, 2008

Design e diritto d’autore, ovvero la legge e le sue metamorfosi

Filed under: copyright, design, dibattito, intellectual property, news, normativa, thoughts — Tags: , , , , — Eva Callegari @ 10:07 am

drinking-camaleon

Creative Commons License Photo credit: Marfis75

Per chi si domandasse se il design ha tutela di copyright in Italia, la risposta dovrebbe essere: “Indubbiamente sì”.

Per chi tuttavia si domandasse per quale ragione il design d’autore, quello – per intenderci – che si trova nei musei di design di tutto il mondo, è venduto in Italia dai soggetti più disparati, che danno le risposte più disparate sull’originalità di quello che vendono, la risposta dovrebbe essere: “Perchè la legge è stata stiracchiata fra chi detiene i diritti sulle opere in questione, perchè ha contribuito a svilupparle e a realizzarle o ha acquistato tutte le necessarie licenze da chi le ha sviluppate e realizzate (individuiamoli come squadra A) e chi invece ha interesse a non riconoscere royalties ai titolari dei diritti d’autore sul design di cui sopra (individuiamoli come squadra B)”

Questa risposta si ricava leggendo “in controluce” le multiformi scritture della norma transitoria che avrebbe dovuto accompagnare l’entrata in vigore della legge del 2001 che ha definito come protette dal diritto d’autore “le opere del design industriale che presentino di per sè carattere creativo e valore artistico” (art. 2 lett. 10 legge diritto d’autore). Norma transitoria che sta per essere nuovamente modificata, se verrà approvato il disegno di legge n. 1441 ter, già esaminato dalla Camera e attualmente all’esame del Senato.

Se abbiamo contato bene, saremmo alla quarta riscrittura della stessa norma, che in nessuna delle sue multiformi versioni ha brillato per chiarezza e coerenza di tecnica legislativa.

(IP Faber: specializzati nel licensing, nella protezione e nell’enforcement dei diritti sul design. Contattaci)

(more…)

21 November, 2008

Brand e Cinema si incontrano con il product placement

Filed under: dibattito, marchi, news — Tags: , — Enrico @ 9:51 am

torino-lingotto1 Creative Commons License Photo credit:Bluestardrop 

Al CineShow di Torino IP Faber ha partecipato a una intera sessione di incontri dedicata al ruolo dei brand (e delle aziende) nel cinema. 

Sottotitolo: il product placement. Diversi gli interventi, sia da parte di produttori / registi, sia da parte di manager aziendali, e tutti con un unico responso: il product placement, se fatto bene, fa bene al cinema!

Il confronto prende le mosse dal cd decreto Urbani che nel 2004 ha reso possibile per le aziende piazzare i propri prodotti all’interno delle produzioni cinematografiche.

A quattro anni dall’entrata in vigore della nuova legge sul cinema, il product placement è veramente entrato nelle strategie di comunicazione delle aziende e nei piani di budget di produttori e registi.  Su questi temi si sono pronunciati i registi Alessandro D’Alatri e Luca Lucini e alcuni manager di noti brand italiani tra cui Stefano Leonangeli di Martini&Rossi, Gianni Onorato di Costa Crociere, Fausto Tazzi  di San Pellegrino Nestlè Waters Italy e Marco Visentini di Goldenpoint / Golden Lady.

Forse la più interessante testimonianza non viene però dal cinema, ma da una nuova piattaforma per fare comunicazione e product placement: internet! Non è certo cosa nuova, ma Sergio Cravero, direttore marketing Alfa Romeo Gruppo Fiat, ne ha parlato in termini innovativi: ha infatti parlato del lancio della MiTo e della intensa campagna pubblicitaria centrata sopratutto sul web e sulla creazione di una community online, con un suo linguaggio creato ad hoc per il web 2.0 e fatto di social networking, di icone, di mini filmati, di un concorso online su materiali creati appositamente online.

A noi è piaciuto, ed è piaciuto non solo e non tanto per la tecnica utilizzata, quanto per il fatto che ha dimostrato che internet è una risorsa fenomenale se si utilizza a pieno. Non ci ha convinto tanto il prodotto in sè, quanto il mondo che ci gira attorno, l’esperienza offerta agli utenti.

Il futuro del product placement, insomma, potrebbe essere online.

(IP Faber è specializzata nella negoziazione di marchi e nel product placementContattaci)

20 November, 2008

SIAE: bollino sì, bollino no…

Filed under: copyright, dibattito, IT, news, thoughts — Tags: , , , — Eva Callegari @ 11:59 am

cayusa-dollar-selfportrait

Creative Commons License Photo credit: Cayusa

Acceso è il confronto di questi giorni fra FIMI – Federazione Industria Musicale Italiana e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori in tema di bollino SIAE.

Quanto ha dichiarato FIMI nel corso dell’audizione presso il Ministero dei Beni e le Attività Culturali circa il regolamento di esecuzione delle disposizioni relative al contrassegno SIAE mette in discussione i presupposti stessi su cui si fonda il sistema obbligatorio di bollinatura SIAE, quello previsto per i supporti contenenti musica, materiale audiovisivo o multimediale e determinati software (art. 181bis legge diritto d’autore).

Quanto sta accadendo prende il via da una prima “bacchettata” all’Italia arrivata dalla Corte di Giustizia della Comunità Europea, per non essere stata comunicata alla Commissione la sopra citata normativa sul contrassegno SIAE, regola tecnica la cui compatibilità con la normativa comunitaria deve essere appunto previamente valutata dalla Commissione.

Ciò che è al centro della vicenda non è tuttavia unicamente un’infrazione procedurale, ma gli aspetti sostanziali su cui i vincoli di bollinatura SIAE si fondano. Già dalle richieste di chiarimenti presentate dalla Commissione si delineano in realtà alcuni dei fondamenti sostanziali della questione.

Alla mancata bollinatura SIAE non corrisponde necessariamente il mancato pagamento dei dovuti compensi di copyright. Anzi, se il versamento dei compensi per il diritto d’autore fosse avvenuto in un paese straniero, neppure è certo a quale titolo la SIAE potrebbe verificare l’assolvimento di tale obbligo.

Inoltre – fatto ancora più dubbio in un’ottica di libera circolazione delle merci a livello comunitario e alla luce del principio di esaurimento comunitario – la bollinatura obbligatoria SIAE comporta un blocco ex lege alla circolazione di opere protette da copyright, immesse sul mercato UE dai legittimi titolari e riversate su supporti fisici.

Per chi opera a livello comunitario, al di là del fermo “burocratico” legato alla presentazione della richiesta di bollini SIAE e del versamento dei compensi (che può durare da 10 fino a 30 giorni), vi sono anche costi gestionali legati alla necessità inevitabile di segmentare il mercato italiano, per rispettare gli adempimenti di bollinatura obbligatoria, unicum a livello EU.

(IP Faber: coaching per le aziende in materia di copyright e marchi. Contattaci)

(more…)

19 November, 2008

IP Faber è al Cine Show di Torino

Filed under: news — Tags: , , — Enrico @ 11:36 am

torino-in-blue Creative Commons License Photo credit: Bluestardrop

IP Faber ha avuto la possibilità di partecipare al CineShow, che si svolge in questi giorni a Torino. 

Il CineShow è una fiera/evento sul mondo del cinema e dei media digitali.

Tra le altre occasioni di incontro, IP Faber ha partecipato a “Cinema e brand si integrano”, una sessione di discussione sul ruolo che i brand e le aziende hanno avuto nell’industria del cinema dopo l’approvazione del decreto Urbani, e “New Media, new models”, un interessante incontro sulle tematiche dei nuovi media e delle nuove strategie rese possibili dall’avvento di internet.

Ma su questi interventi parleremo di più nei prossimi giorni.

7 November, 2008

La brevettabilità dei metodi commerciali: il caso Bilski in U.S.A.

smarties

Creative Commons License Photo credit: Gadl

Negli Stati  Uniti si è riaperto nei giorni scorsi il dibattito sui limiti di brevettabilità dei business method, dei metodi commerciali.

Di fatto, contrariamente a come si preannunciava, la decisione d’Appello del Circuito Federale non ha rivoluzionato, nè limitato i criteri di brevettabilità dei metodi commerciali. I dodici giudici hanno basato la loro decisione sul “machine or transformation test“, test di valutazione che ammette alla registrazione di brevetto quei soli metodi commerciali “funzionali ad un macchinario” o volti alla “trasformazione di un bene”.

Seguendo questo test, la Corte di Appello statunitense ha ritenuto non brevettabile la domanda presentata da Bernard L. Bilski e Rand A. Warsaw (due manager della WeatherWise di Pittsburgh) relativa ad un metodo commerciale per prevenire i rischi del mal tempo nella vendita di prodotti agricoli.

La parte del test sulla brevettabilità dei metodi commerciali che risulta sempre più dibattuta è quella relativa all’implementazione del metodo attraverso un macchinario, il machine test. Sulla base di questo requisito, si sono tradotti infatti negli ultimi anni molti metodi commerciali, scarsamente originali o innovativi, in software “funzionali” al solo fine di creare portfoli protezionistici da opporre ai concorrenti.

Nella pratica, al di là del noto brevetto per il business method OneClick di Amazon, il data base dei brevetti statunitensi conta infinite registrazioni di metodi commerciali sulla cui validità molti dubitano.

Il dubbio, sia pur vago e implicito, emerge anche dalla decisione Bilski del 30 ottobre scorso:

.. we agree that future developments in technology and the sciences may present difficult challenges to the machine-or-transformation test, just as the widespread use of computers and the advent of the Internet has begun to challenge it in the past decade. Thus, we recognize that the Supreme Court may ultimately decide to alter or perhaps even set aside this test to accommodate emerging technologies. And we certainly do not rule out the possibility that this court may in the future refine or augment the test or how it is applied. At present, however, and certainly for the present case, we see no need for such a departure and reaffirm that the machine-or- transformation test, properly applied, is the governing test for determining patent eligibility of a process under § 101

“Concordiamo circa il fatto che i futuri sviluppi nella tecnologia e nella scienza possano presentare sfide difficili al “machine-or-transformation test“, così come l’ampio uso dei computer e l’avvento di Internet iniziò a metterlo in discussione nel decennio appena trascorso. Perciò, diamo atto che la Corte Suprema potrà infine decidere di modificare o perfino accantonare questo test per soddisfare le esigenze derivanti dalle tecnologie emergenti. E certamente non escludiamo la possibilità che questa corte potrà in futuro circoscrivere o ampliare il test e le sue modalità di applicazione. Ad oggi, tuttavia, e certamente per quanto riguarda questo caso, non vediamo la necessità di questo mutamento e riaffermiamo che il “machine-or-transformation test”, opportunamente applicato, è il test che serve a determinare la brevettabilità di un processo di cui al § 101″ [norma dell’U.S. Patent Act che regolamenta i metodi commerciali].

E ancora leggiamo, poco oltre, nella medesima decisione 2007-1130 (Serial No. 08/833,892):

“We leave to future cases the elaboration of the precise contours of machine implementation, as well as the answers to particular questions, such as whether or when recitation of a computer suffices to tie a process claim to a particular machine.”

Lasciamo alla giurisprudenza futura la definizione dei limiti del concetto di “machine implementation” come pure le risposte a particolari domande, quali se e quando la enunciazione [trasposizione] attraverso computer sia suffiente a legare una rivendicazione di processo [di business] ad uno specifico macchinario.”

(IP Faber: legal and business consulting services on Intellectual Property. Contact us)

5 November, 2008

Yahoogle: partnership pubblicitaria a prova di antitrust?

Filed under: internet, IT, marchi, marketing, news, Uncategorized — Tags: , , , , , , — Eva Callegari @ 10:04 pm

applegoogle

Creative Commons License Photo credit: Missha

L’accordo pubblicitario fra Yahoo! e Google sembrava essersi arenato dopo il suo annuncio, ad agosto scorso, a causa dell’intervento dell’autorità antitrust statunitense, sollecitato da varie associazioni per i diritti dei consumatori e dall’ANA (Association of National Advertisers).

Secondo questi ultimi, il fatto che Yahoo! permetta a Google di postare le proprie inserzioni pubblicitarie nelle pagine della prima, in cambio di una percentuale sui ricavi generatisi, altererebbe significativamente gli equilibri del mercato pubblicitario di riferimento, con un inevitabile innalzamento dei costi, a discapito degli inserzionisti.

E’ di questi giorni la notizia riportata dal Wall Street Journal, secondo cui le due società, al fine di ricevere la benedizione dall’antitrust alla loro partnership, hanno rivisto i termini del proprio accordo.

La durata dell’accordo, innanzitutto, verrebbe ridotto dai dieci anni originariamente previsti a due anni. Inoltre, si prevederà un meccanismo di scelta dei lettori di Yahoo!, che potranno chiedere di escludere le pubblicità di Google dalle proprie pagine web. Infine, si è stabilito un tetto alla percentuale di ricavi spettante a Yahoo!, ottenuti dalla pubblicità di Google: essi non potranno superare la soglia massima del 25%.

Sapremo prossimamente se il dipartimento di giustizia statunitense, che riveste il ruolo di organo di controllo della concorrenza e del mercato, riterrà sufficienti gli emendamenti apportati all’accordo perchè possa darsi il via alla partnership pubblicitaria fra Yahoo! e Google.

(IP Faber: we develop co-branding plans and co-marketing agreements for smart companies. Contact us)

Older Posts »

Create a free website or blog at WordPress.com.