IP Faber :: www.ipfaber.com

19 April, 2008

Adidas 3 stripes according the Court of Justice – Le 3 striscie di Adidas secondo la Corte di Giustizia

Filed under: marchi, marketing, news — Tags: , , , — Eva Callegari @ 12:49 pm

Is it necessary that stripes signs remain available to all? Can Adidas prohibit the use by third party of two stripes on sport products?

The questions above have been recently examined by the Court of Justice in Case C-102/07 of 10th of April 2008. The first chamber of the Court assessed that the requirement of the availability of certain signs is irrelevant with regard to the likelihood of confusion. The important factor for analyzing such criteria is the public perception of the goods identified by the TM of the owner compared to the third party’s goods. On the other hand – the Court of Justice observes – the “availability requirement” regards only descriptive indications, not decorative characteristic of the goods.

Therefore, on the basis of this ruling by the Court of Justice, we can imagine that strips or squares or circles may be “owned” by a single proprietor if the latter is so able to enforce these signs on its relevant market that public immediately associate them to the mark/source of the proprietor.

(IP Faber: 360° consultancy on TM. Contact us)

Le strisce sono di tutti? Può Adidas vietare a terzi di usare due bande su articoli di abbigliamento sportivo?

Questi quesiti sono stati oggetto di una decisione della Corte di Giustizia recente (Case C-102/07 del 10 aprile 2008). La prima sezione della Corte ha stabilito che il requisito della disponibilità di certi segni non rileva con riguardo al rischio di confondibilità. Il fattore rilevante per svolgere questo tipo di valutazione è la percezione che ha il pubblico dei prodotti identificati da un dato marchio rispetto ai prodotti di un soggetto terzo. D’altro canto, osserva la Corte, il “requisito della disponibilità” attiene solo alle indicazioni descrittive, non a quei caratteri puramente decorativi di un prodotto.

Perciò, sulla scia di quanto deciso dalla Corte di Giustizia con questa sentenza, una striscia, un quadrato, un cerchio potrebbero diventare di un solo soggetto se questo fosse tanto bravo nel rafforzare un dato segno in un certo settore di mercato così che il pubblico immediatamente ricolleghi questo segno ai prodotti provenienti dalla propria impresa.

(IP Faber: consulenza a 360° sui marchi. Contattaci.)

Photo by autumn bliss from Flickr. CC license.

Advertisements

2 April, 2008

To register or not to register (design): that is the question – Registrare o non registrare un modello: questo è il problema

Filed under: design, marketing, thoughts, tips and tricks — Tags: , , , — Eva Callegari @ 6:49 pm

shoesSome companies appear to be registration-addicted with regards to designs.

IP Faber takes different approaches, distinguishing design to be protected by registration from one which can be protected as unregistered design under Community Design Regulation no. 6/2002.

The latter choice is prefereable for short life cycle products (i.e. fashion collection, shoes, school bags, seasonal products).

Three years of exclusive right as from the date on which the design was first made available to the public within the Community“.

Therefore commercialization or first presentation of a product to an exhibition fair suffice for claiming this protection.

On the other hand, when it is foreseeable that a design product will strongly success on the market, IP Faber suggests to register it in order to exclusively exploit it for a longer time.

Alcune società sembrano aver sviluppato una dipendenza da “deposito di modelli”.

IP Faber adotta strategie diversificate a seconda che si trovi a considerare prodotti che vanno tutelati attraverso la registrazione o prodotti tutelabili anche come modello di fatto, come previsto dal Regolamento Comunitario n. 6/2002. Quest’ultima soluzione è preferibile per prodotti che hanno un ciclo di vita breve (collezioni di moda, calzature, zaini scolastici, prodotti stagionali, etc.).

Tre anni di diritto esclusivo decorrente dalla data in cui il disegno o modello è stato divulgato al pubblico per la prima volta nella Comunità“. Basta la messa in commercio o la presentazione ad una fiera del prodotto per accedere a questa tutela.

D’altro canto, quando si prevede che un prodotto di design possa consolidare nel tempo il proprio successo sul mercato, IP Faber suggerisce di registrarlo per poter rivendicare una protezione di durata più ampia.

(IP Faber: we focus on the most useful tools for protecting Industrial Design. Contact us)

(Photo by Sämyii – Flickr)

Create a free website or blog at WordPress.com.