IP Faber :: www.ipfaber.com

31 January, 2008

Le utilizzazioni libere di musica e immagini in rete

Filed under: copyright, dibattito, law, music, news, normativa — Eva Callegari @ 10:49 pm

72041533_2f93e85bdc.jpg
Con la cosidetta “riforma SIAE“, la legge n. 2 del 9 gennaio scorso ha introdotto una previsione che regolamenta i casi di libera pubblicazione in Internet di immagini e di musica, andando ad aggiungere un comma all’art. 70 della legge sul diritto d’autore.

Tre sono le condizioni che pone questa norma, in vigore a partire dall’11 febbraio prossimo, perchè si possano liberamente riprodurre in rete file musicali o file immagine: si dovrà trattare di “immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate“, finalizzate ad un “uso didattico o scientifico“, che in ogni caso non dovranno essere utilizzate “a scopo di lucro“.

I dubbi che immediatamente sorgono sono molteplici: che cosa si intende per immagini a bassa
risoluzione o degradate? Entro che limiti le pubblicazioni su web si possono considerare a fini didattici o scientifici, o meno?

Pietro Folena, presidente della Commissione Cultura della Camera, che ha elaborato il testo della norma, ha spiegato che i file musicali riproducibili liberamente in Internet saranno quelli con “una qualità non paragonabile a quella di un cd, ma comunque ascoltabile” mentre i file immagine saranno quelli “con dimensioni non utili alla riproduzione a stampa”.

Quanto al secondo dubbio (sempre che il primo si possa considerare così effettivamente chiarito), occorrerà attendere l’emanazione di un apposito decreto ministeriale volto a definire in dettaglio i “fini didattici e scientifici” richiamati dalla legge.

Foto “Broken cd” di Rick Heatk con licenza CC da Flickr

(IP Faber: tutela e gestione del copyright a 360°. Contattaci)

Advertisements

23 January, 2008

No confusion between.. Idea and Ikea EU TM

Filed under: events, marchi, marketing, news, trademark — Eva Callegari @ 1:17 pm

The application filed by Ikea before the Court of First Instance of the European Communities (Case T. 112/06) was rejected on 16 January 2008.
On one side there was the following figurative trademark
Idea (obtained within the Class regarding funiture):
0002839.gif
On the other side there was the following figurative trademark
Ikea:
0001096.gif
The Court of First Instance
observed that the above TMs are visually and conceptually dissimilar, with only a low degree of aural similarity. Therefore, there is no likelihood of confusion beween the marks, despite the identical nature of the goods and the reputation of the Swedish TM: in fact the perception of the marks by the average consumers, who tends to be observant in these cases, is mostly visual and conceptual, not aural.
The aural similarity is irrelevant as, effectively, the consumers pay attention on choosing furniture and rarely purchase it just aurally.
(IP Faber constantly takes care of your TM and brand strategy: contact us)

L’appello presentato da Ikea dinanzi al Tribunale di Primo Grado delle Comunità Europee (Case T. 112/06) è stato rigettato, con decisione del 16 Gennaio 2008.
Si trattava del marchio figurativo Idea (concesso per la Classe merceologica dell’arredamento) rispetto al marchio figurativo Ikea (entrambi sopra riportati).
Il Tribunale di Primo Grado ha osservato che detti marchis sono visivamente e concettualmente diversi, con solamente un limitato grado di somiglianza di suono. Pertanto non vi è confondibilità tra i marchi, nonostante l’identica natura dei prodotti cui si riferiscono e la notorietà del marchio svedese: infatti la percezione dei marchi da parte del consumatore medio, che tende ad essere attento in questi casi, è prevalentemente visiva e concettuale, non uditiva.
La somiglianza dal punto di vista uditivo dei due marchi è irrilevante visto che, in realtà, i consumatori dedicano attenzione nel scegliere questi prodotti e raramente si limitano ad ordinarli solamente a voce.
(IP Faber si prende cura costantemente dei tuoi marchi e della tua strategia di brand: contattaci)

21 January, 2008

La protezione del design italiano: registrare meno e tutelare meglio – Do Italian design need less registrations and stronger protection?

Filed under: design, dibattito, normativa — Eva Callegari @ 12:58 am

296222_pantone_3.jpg

La protezione del design in Italia appare segnata da un curioso paradosso, ove si confrontino due dati emersi nel corso dell’anno appena trascorso.

Ad aprile 2007, con la conversione in legge del d.l. 10/2007, l’Italia si è allineata agli altri paesi della Comunità Europea per la durata della protezione di diritto d’autore sulle opere di design (portata da venticinque a settant’anni). Nel contempo, la “moratoria” che sospendeva l’applicabilità della disciplina a protezione del design introdotta nel 2001 è stata variata nella sua operatività. Non più riferita a chi prima del 2001 aveva intrapreso la fabbricazione o la vendita di prodotti che non erano protetti sulla base della precedente disciplina, ma riferita ai prodotti che nel 2001 non si potevano più considerare tutelabili sulla base della disciplina abrogata. Non ci si è quindi limitati ad applicare il principio di affidamento del terzo, garantendo per 10 anni chi già produceva o vendeva opere di design che sulla base della nuova disciplina sarebbero ricadute sotto la protezione del diritto d’autore, ma si è di fatto eliminata ogni tutela d’autore per quei prodotti che nel 2001 non si sarebbero potuti considerare protetti secondo la disciplina fino ad allora vigente (a dire il vero, assente), senza minimamente considerare se gli stessi prodotti avrebbero potuto accedere alla tutela del design disciplinata dalla nuova normativa.
Con buona pace di nostri maestri del design del calibro di Alessandro Mendini, Achille Castiglioni, Vico Magistretti, Ettore Sottsass, Antonio Citterio, Gaetano Pesce. I loro pezzi di design realizzati prima del 2001 non avrebbero titolo per accedere alla tutela d’autore, grazie a questa “moratoria”.

Sempre nel corso di quest’anno si è poi letto che, dalle statistiche raccolte dall’OAMI da gennaio 2003 a marzo 2007 e citate dalla rivista World Trademark Review, l’Italia sarebbe il paese dove si sono depositati più modelli che in qualsiasi altro paese europeo. Quattro studi di brevettualisti italiani (di chi da sempre ha privilegiato la fase iniziale della protezione dell’Intellectual Property, del filing) occupano i primi posti di questa particolare classifica.
Un indice che appare controtendenza rispetto alla normativa comunitaria, che ha introdotto con il regolamento n. 2/2001 la tutela del modello non registrato per 3 anni dal primo atto di commercializzazione.
Questa disciplina, direttamente applicabile nel nostro paese, rende superfluo quindi il deposito di quei modelli destinati ad avere un ciclo di vita breve (una collezione di moda, una linea di prodotti stagionali, etc.).
Il dilemma che sorge è questo: è davvero necessario registrare così tanti modelli in Italia? Non sarebbe preferibile garantire una protezione più efficace e mirata, con un occhio di riguardo al design d’autore?

As World Trademark Review recently noted, four Italian trademark attorneys’ offices represent the top filers of EC designs under OHIM statistics (January 1 2003 to 31 May 2007). These data may appear in conflict with the protection of unregistered designs introduced by EC Community Designs Regulation no. 6/2002.

On the other side, in 2007 Italy amended its IP Code in order to avoid an EC infringement procedure for lack of protection of copyrightable design. Notwithstanding the fact that now Industrial Design shall be proctected for 70 years (and not for only 25 years, as it was previously ruled), a moratorium period of ten years will apply to products created before 2001. Therefore the most important Italian classic design products (created by Alessandro Mendini, Achille Castiglioni, Vico Magistretti, Ettore Sottsass, Antonio Citterio, Gaetano Pesce) will not access to copyright protection, if this provision will be blindly applied.

The above seems a paradox: an apparently excess of filing on one side and a lack of copyright protection for design on the other side.

(IP Faber: we focus on the most useful tools for protecting Industrial Design. Contact us)

Create a free website or blog at WordPress.com.