IP Faber :: www.ipfaber.com

25 March, 2007

Copyright sull’industrial design: il “legislatore” sta davvero dalla parte dell’autore?

Filed under: design, news, normativa — Eva Callegari @ 12:15 am

lampada-arco.jpg

panton_chair_classic.jpg

Si è letto nei mesi scorsi su diversi quotidiani nazionali dei precedenti del Tribunale di Milano con i quali si è riconosciuta tutela d’autore a due opere di design, la Panton Chair di Vitra e la lampada Arco, disegnata da Castiglioni, di Flos. Gli entusiasmi di chi si occupa di design si sono immediatamente accesi: finalmente – si è detto – si va riconoscendo adeguata protezione giuridica ad opere di elevato valore creativo ed artistico, che sono uno dei motori di crescita della nostra industria e lustro dell’Italia nel mondo. Quasi nello stesso periodo, a livello comunitario, l’Italia veniva sollecitata ad adeguarsi ai parametri comunitari in materia di tutela del design industriale: come negli altri paesi UE la protezione di copyright sul design avrebbe dovuto durare 70 anni dalla morte dell’autore, non 25 come previsto dalla legge italiana. Puntuale (o quasi) la risposta del legislatore: il decreto legge n. 10 del 15 febbraio 2007 estende ora a 70 anni la protezione del diritto d’autore sui prodotti di design. Lo stesso decreto legge contiene tuttavia una norma sibillina (il comma 4 dell’articolo 4, per la precisione), che getta un colpo di spugna sulla protezione del design per tutti i prodotti creati prima del 2001. In poche parole, se entro metà aprile questo decreto legge fosse convertito in legge, in Italia avremmo una protezione del diritto d’autore sul design di 70 anni p.m.a. solo sulla carta, ma – nella realtà- efficace solo per gli ultimi 5/6 anni. E per tutte le opere di design create prima del 2001, per le quali non sono comunque ancora trascorsi i 70 anni di protezione stabiliti dall’UE? Il nulla.

Advertisements

21 March, 2007

iPhone: Cisco e Apple sull’uso del marchio (2)

Filed under: internet, IT, marchi, marketing — Enrico @ 11:35 am

Diamo i punti ai contendenti:

APPLE:
1 – La disputa sull’utilizzo del marchio iPhone ha creato un enorme ritorno nei media a livello mondiale: voto 10 e lode.
2 – Apple può ora utilizzare un marchio forte, in linea con gli altri prodotti dell’azienda e il cui marketing è molto facilitato: voto 9.
3 – I termini dell’accordo (non noti) porteranno alla Apple sicuri benefici sulla “interoperabilità” con i prodotti Cisco: voto 8.

CISCO
1 – Cisco ha presentato un prodotto a marchio “iPhone” proprio pochi giorni prima della presentazione dell’iPhone di Apple, con una grande tempestività, e quando già era in trattative per l’utilizzo del marchio con la casa della mela: voto 8.
2 – In seguito alla disputa, Cisco ha ottenuto dalla Apple l’accesso al suo ecosistema “chiuso” e integrato verticalmente, i cui effetti si potranno capire solo nei prossimi anni: voto 10 e lode.
3 – Considerando l’enorme traino del marketing Apple, l’utilizzo del marchio iPhone (più che la vendita diretta di prodotti con il medesimo marchio) sono forse uno dei più grandi affari mai fatti dalla Cisco: voto 8.

Conclusione: tipica equazione win-win, forse leggermente a favore di Apple. Comunque entrambi i contendenti portano a casa molto, forse più di ciò che avevano puntato sul tavolo da gioco.

Una partita a scacchi perfetta. Complimenti. C’è da imparare

19 March, 2007

iPhone: Cisco e Apple sull’uso del marchio

Filed under: brevetti, IT, marchi, news — Enrico @ 1:52 pm

Apple iPhoneCisco

Secondo lo scarno comunicato emesso dalla Apple, le due aziende si sarebbero messe finalmente d’accordo sull’utilizzo del marchio iPhone, infatti “both companies are free to use the “iPhone” trademark on their products throughout the world”.

Interessante. Ma il punto non è questo. Il punto si legge poco dopo.

Infatti le due aziende “will explore opportunities for interoperability in the areas of security, and consumer and enterprise communications”.

Tradotto: Apple potrà utilizzare il marchio iPhone e Cisco avrà accesso all’ecosistema che Apple sta creando intorno a tale prodotto.
Inoltre “other terms of the agreement are confidential”: quindi probabilmente Apple ha versato, versa o verserà una compensazione in danaro (fissa o variabile?) per l’utilizzo del marchio.

16 March, 2007

iPhone: cosa può fare ;-)

Filed under: internet, IT, marketing, news — Enrico @ 10:45 am

Irriverente, ironico, sarcastico, bellissimo video sull’iPhone di Apple.
Ma dietro le risate si nasconde qualcosa di più.
Una risonanza planetaria.
Un motore per l’ispirazione di articoli, blog, foto, commenti, analisi e, addirittura, un video molto particolare.
Anche questo è saper fare marketing, saper offrire una visione diversa per un prodotto che, di fatto, non è poi molto diverso da tanti altri…

Create a free website or blog at WordPress.com.